Conferenza finale Progetto SEPA Print
This page is available in Italian only.

Potenza, 15 maggio 2012

Il giorno 17 maggio 2012 a Gorizia presso la Fondazione Carigo in Via Carducci, 2 si terrà la Conferenza finale del progetto SEPA – Sustainable equipped productive area, progetto finanziato dall’UE nell’ambito del programma europeo SEE- Sud Est Europe 2007-2013, al quale Sviluppo Basilicata partecipa in qualità di Partner insieme agli altri partner del progetto rappresentati da Agenzie di Sviluppo, Incubatori d’Impresa, Municipalità della Bulgaria, Grecia, Romania, Serbia, Slovenia, Ungheria.
Il Lead Partner Informest presenterà i risultati ottenuti dal progetto SEPA nell’ambito delle complesse fasi di progetto attuate.
L’obiettivo è mostrare, a conclusione del lavoro comune iniziato nel 2009, come azioni concrete possano essere adottate per ridurre l’impatto ambientale promuovendo il concetto di area produttiva sostenibile, un’area cioè in cui le imprese insediate possano migliorare le loro perfomance ambientali, economiche e sociali attraverso l’acquisizione di specifici strumenti di organizzazione aziendale e di gestione ecocompatibile delle infrastrutture.
Sviluppo Basilicata in particolare presenterà l’azione pilota identificata per l’area di Viggiano, presentando i punti di forza del sito idoneo per la trasformazione in un’area SEPA.
L’evento sarà occasione per far conoscere le politiche e gli strumenti dedicati ai temi dell’innovazione e competitività a sostegno di nuovi modelli di gestione delle aree industriali.

Programma

-----------------------------------------------------------------------------------------
I requisiti specifici del modello di area SEPA prevedono:
• la Costituzione di una organizzazione in grado di progettare e gestire la SEPA sostenuta da tutti gli stakeholder interessati al buon funzionamento della SEPA e riuniti in un apposito Comitato di sostegno
• la Progettazione della SEPA area attrezzata non solo con tutte le normali infrastrutture (collegamenti viari, acquedotti, fognature, depuratore dei reflui civili ed industriali, illuminazione pubblica, rete telefonica, telematica e di distribuzione dell’energia), ma anche con Impianto di riciclo delle acque reflue con annesso acquedotto per usi produttivi, antincendio e per servizi igienici, Impianti per la produzione centralizzata o distribuita di energia termica ed elettrica da fonti rinnovabili, Impianti in grado di assicurare la massima efficienza energetica degli immobili ed il minore consumo di energia termica ed elettrica, Servizi centralizzati a favore delle imprese e dei loro dipendenti per ridurre la mobilità indotta dalla SEPA, per ridurre i tempi nel percorso casa/lavoro, per favorire le pari opportunità, per fare risparmiare sia le imprese che i loro dipendenti
• Soluzioni finanziarie, le infrastrutture, gli impianti, le particolari tipologie edilizie degli edifici, i servizi centralizzati e la struttura dell’organizzazione che gestisce la SEPA non devono rappresentare un costo aggiuntivo per le imprese, bensì una fonte di consistenti economie di scala e di risparmi con i quali coprire i relativi costi. L’organizzazione che progetta e gestisce la SEPA deve essere in grado di individuare le soluzioni finanziarie che permettano la sua realizzazione e la sua gestione anche senza il finanziamento diretto da parte delle singole imprese.
• Formazione, per poter raggiungere gli obiettivi della SEPA è necessario formare non solo il responsabile della SEPA, ma anche i responsabili dei vari stakeholder pubblici e privati che fanno parte del Comitato di sostegno e intendono sostenere l’organizzazione che dovrà progettare e gestire la SEPA
• studio di fattibilità che consenta di valutare i costi degli investimenti necessari per attrezzare la SEPA
• marketing territoriale, avviando una capillare azione di marketing territoriale anche a livello europeo per proporre la localizzazione di imprese nella SEPA progettata attirandole con i risparmi che solo in questa area è possibile ottenere. Se l’azione di marketing territoriale avrà successo e quindi consentirà di raccogliere un sufficiente numero di prenotazioni di delocalizzazioni di imprese, solo allora si potrà passare alla realizzazione delle opere e dei servizi progettati. In questo modo si eviteranno spese inutili ed sarà possibile progettare impianti ed infrastrutture dimensionati sulla base delle effettive esigenze delle aziende che intendono delocalizzarsi nella SEPA.

SEPA – Sustainable equipped productive area, progetto finanziato dall’UE nell’ambito del programma europeo SEE- Sud Est Europe 2007-2013
Partnership di progetto:per l’Italia Sviluppo Basilicata SpA e Informest – Centro di Servizi e Documentazione per la Cooperazione Economica Internazionale; per la Romania Municipality di Baia Mare; per la Grecia EC Business and Innovation Centre di Attika; per l’Ungheria Central Transdanubian Non profit Company; per la Slovenia Business Inkubator Sezana; per la Bulgaria Varna Economic Development Agency; per la Serbia Innovative Centre for Development of the Municipality of Temerin.

Per informazioni
This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it
0971 506649